Amo scrivere, in modo totalmente anarchico, senza pressioni e senza scadenze.
Scrivo per lo più quando sono malinconica...

Social Network

Piadine con olio extra vergine

Del Garda

Giugno 2, 2020.AliceChiara.17 Likes.0 Comments

Ho pubblicato qualche giorno fa sui social le foto delle piadine all’olio extravergine che ho preparato insieme a Viola.

Chissà come mai mia figlia è tanto attratta dagli impasti, mah!

Eheheeh!

Volevo pubblicare la ricetta subito ma poi ho avuto mille cose da fare e non ci sono più riuscita.

Oltretutto questa settimana stavo facendo parecchie riflessioni sul mondo dei social.

Sarà perché ultimamente mi stanno subissando di mail dove mi propongono l’acquisto di follower, sarà che noto sempre meno voglia di leggere ed informarsi, di capire.

Va tutto troppo veloce.

Ormai la gente non ha più nemmeno voglia di leggere, vuole vedere video ed imparare velocemente, tutti sanno fare tutto e mi sembra di essere circondata da una realtà molto sfalsata.

Io, che ho cominciato a lavorare al blog parecchi anni fa, faccio un po’ fatica ad adeguarmi alle nuove tendenze.

Anche registrare video mi inibisce non poco, mi blocco, mi sento sciocca 😂

Ma ci sto lavorando.

Sto anche pensando di creare delle video lezioni sui lievitati for dummies.

E anche di creare video ricette semplici con protagonista Viola, per cucinare e impastare coi vostri bambini.

Quello che però oggi mi sento di domandare a tutti voi è:

Perché se provate una ricetta, leggete un articolo o altro su un blog, al 90% non condividete?

Il blog è un lavoro di condivisione e diventa davvero frustrante vedere persone che attingono senza nemmeno dare una mano a divulgare.

Lasciamo vincere le strategie di marketing mettendo like dove ci pilotano perché qualcuno sta pagando per farcelo fare?

Dov’è finita la genuinità, la condivisione sincera, le chiacchiere, i commenti non sollecitati?

C’è ancora gente, dopo anni, che mi scrive chiedendomi di condividere le ricette, perché nemmeno si è accorta che ho un blog.

Io sorrido, ma mi viene da piangere.

Fine del pippone.

Ecco la ricetta delle piadine.

Io ho scelto una farina tipo 1, ho messo un pizzico di lievito di birra, quasi inutile viste le tempistiche, però sono venute belle soffici quindi, probabilmente, ha fatto il suo sporco dovere.

Ho deciso inoltre di usare, come grasso, dell’olio extravergine del Garda, zona dove vivo.

Lo strutto proprio non mi va giù.

Non mi piace, non lo uso.

Ingredienti per 6/8 piadine

500 grammi di farina tipo 1

270 grammi di acqua

50 grammi di olio E.V.O.

10 grammi di sale

Farina di semola per stendere

In una ciotola versate tutta la farina e aggiungete l’acqua in due volte, impastando fino a che l’avrà assorbita tutta. Unite il sale e per l’ultimo l’olio un po’ alla volta.

L’impasto dovrà risultare elastico ed incordato.

Lasciate riposare per un’oretta quindi riprendete l’impasto, rovesciatelo sul piano di lavoro cosparso di semola e dividetelo in 6/8 palline (il numero dipende da quanto le farete grandi.

Lasciate riposare ancora un quarto d’ora quindi stendete con un matterello l’impasto.

Io le ho fatte piuttosto sottili.

Cuocete in una padella precedentemente riscaldata (meglio ancora se avete una teglia di Montetiffi).

Quando si formeranno le bolle in superficie rompetele con una spatola, in questo modo si formino i tipici cerchi scuri della piadina.

Ed ora non vi resta che farcire e magnare!

Vi bacio!

Alice Chiara

Ps: vi raccomando, la condivisione può davvero aiutare.

E non vi costa niente ❤️

Alcune Foto

Add comment

Created by www.gretatessarolo.com .© 2020 Alice Chiara Capponi. All Rights Reserved